People – Ludovica & Ginevra – Caftanii Firenze

Sapete che vi dico? Basta scrivere solo di me, dei miei viaggi e delle ultime novità delle mie “cities”.

O meglio, tra le mie scoperte ora ho voglia di parlarvi anche di nuovi brand emergenti, per raccontarvi qualcosa in più sui giovani talenti che hanno dato vita a questi progetti, il loro percorso, le loro ispirazioni e, ovviamente, le loro “cities” del cuore.

Si parte oggi con Ludovica e Ginevra Fagioli, le due gemelle che si celano dietro al neonato brand di moda fiorentino Caftanii Firenze (non a caso il logo sono proprio due gocce d’acqua).

Dei capi Caftanii  io sono letteralmente innamorata. Lo capirete presto da voi: ogni creazione è un vero e proprio capolavoro, curato nei minimi dettagli. Ad aggiungere ulteriore fascino e unicità al brand, poi, è proprio la storia che vi sta dietro. Ma lascio l’onore di raccontarvela alle parole di Ludovica e Ginevra.

 

Ginevra e Ludovica Fagioli - Caftanii Firenze
Ginevra e Ludovica Fagioli – Caftanii Firenze

 

Chi sono Ludovica e Ginevra?

L.: Io sono una sognatrice, un’entusiasta, quella per cui si può sempre fare tutto. Ginevra, invece, delle due è quella più concreta e numerica.
G.: Siamo davvero il bianco e nero, nella vita così come nella gestione del brand. Ludovica si occupa più della comunicazione, mentre io seguo la parte commerciale e i rapporti con fornitori e clienti.

Come siete arrivate a Caftanii?
L.: Io ho studiato Relazioni Internazionali e poi ho seguito un master al Gambero Rosso a Roma per scrivere di enogastronomia.
G.: Io invece ho studiato Economia. Fin da piccola, però, avevo una vera e propria fissazione per i tessuti, tanto che insistevo con mia madre perché mi portasse con lei quando andava dal tappezziere.

Com’è nata l’idea di Caftanii?
L.: Un giorno, eravamo in terrazza a casa nostra al mare, a Forte dei Marmi, parlavamo di come dovevano essere state belle le estati fortemarmine di un tempo, del fascino degli anni Sessanta, della nostalgia per quel lifestyle. E da lì è nata l’idea di disegnare nuovi capi ispirati a quell’atmosfera e riportarla alla ribalta attraverso il nostro nuovo brand.

G.: L’ispirazione principale, come suggerisce il nome stesso, sono stati i caftani. I caftani che indossava sempre nostra madre, semplici, in lino grezzo o cotone pesante, personalizzati di volta in volta da un accessorio diverso. Un caftano vintage di Isabel Marant di cui ci siamo innamorate. I caftani eleganti e senza tempo simbolo dello stile delle attrici francesi di un tempo.

Cos’è ora Caftanii per voi?

L.: Un vero e proprio progetto che vogliamo portare avanti insieme.
G.: Caftanii è un modo di essere e di vivere, un concetto a 360 gradi.

Com’è la donna Caftanii?
L.: E’ una donna dallo stile disinvolto, con una forte personalità, che non resta vittima mode; è lei, anzi, che crea la propria moda, si esprime con capi puliti, semplici e li personalizza con alcuni accessori. E’ una donna

Tre aggettivi per descrivere i capi Caftanii?
L.: Esattamente i tre aggettivi che usiamo anche per la nostra comunicazione ufficiale:

  • Timeless: sono capi intramontabili, slegati dalle mode del momento, destinati a durate ben oltre una singola stagione.
  • Charming: l’altissima qualità e particolarità dei tessuti, l’attenzione ai dettagli (in ogni creazione è presente un filo d’oro, vengono utilizzati solo bottoni e mai cerniere), la storia e le ispirazioni che si celano dietro ad ogni capo contribuiscono a donare fascino alle collezioni.
  • Feminine: sono capi che esaltano la femminiltà, dalle forme ampie, comodi, capaci di valorizzare sia i fisici più longilinei che le forme più morbide

Da dove traete ispirazione per le nuove collezioni?
L.: Sono i nostri viaggi ad ispirarci, senza dubbio.
La collezione A/I 16/17, infatti, è stata influenzata dalla nostra vacanza in Scozia e le suggestioni scozzesi si riflettono in molti aspetti: i tessuti in lana cotta, il tartan, i toni del grigio scuro, del rosso, dell’azzurro, l’utilizzo di bottoni in legno, le fantasie a foglie dal richiamo Liberty.
G.: La prossima collezione S/S 17, invece, è nata dalla nostalgia delle estati italiane di un tempo e vuole far rivivere l’atmosfera delle isole del Mediterraneo nei suoi motivi: il tessuto in sangallo richiama l’isola di Salina, le righe Capri, la fantastia a fiorellini rosa e azzurri l’isola della Maddalena.

Restando in tema di viaggi, il viaggio che vi è rimasto più impresso?
L: Il Sudafrica
G: Il Messico

E invece le “cities” a cui siete più legate?
L.: Firenze (ovviamente) e Parigi
G.: Firenze (ovviamente) e Londra

Il vostro posto del cuore a Firenze?
L.: Il ristorante Cibreo, un classico fiorentino
G.: Non ho un locale preferito. Ciò che amo di Firenze è passeggiare per le sue strade, i suoi ponti – il ponte Santa Trinità in primis -, piazza Pitti.

Il tuo vostro posto del cuore a Parigi/Londra?
L.: A Parigi, adoro il quartiere Le Marais, Place des Vosges e il Musée Picasso
G: A Londra, il mio ristorante preferito è il Rule’s, un locale 100% british a Covent Garden

Torniamo a parlare di moda;la vostra icona di stile?
L.: Non ho dubbi, Jane Birkin
G.: Non ne ho una in particolare, mi piace prendere diversi aspetti da diverse icone femminili

Il capo che non deve mai mancare nell’armadio (oltre a un caftano, inutile dirlo)?
L: un paio di jeans boyfriend
G: il mio chiodo pelle nero

E, per concludere, la vostra citazione preferita?
L: Just do it (ce l’ho anche tatuata)
G: Take it Easy

 

Caftanii Firenze - F/W 2016/17
Caftanii Firenze – F/W 2016/17

 

Caftanii Firenze - F/W 2016/17
Caftanii Firenze – F/W 2016/17
Caftanii Firenze - S/S 2017
Caftanii Firenze – S/S 2017
Caftanii Firenze - S/S 2017
Caftanii Firenze – S/S 2017

 

Ecco, queste sono Ludovica e Ginevra e questo è Caftanii Firenze.

Ma non è finita qui….se volete scoprire meglio la collezione autunno/inverno continuate a seguirmi qui e sul mio Instagram….mi sa tanto che me ne vedrete qualche capo(lavoro) addosso molto presto.

 

www.caftanii.it

 

 

Email this to someoneShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookPin on Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *