Food tips – Itashi – Milano

Oggi torno a parlarvi un po’ di Milano.

Eh sì, perché, superati party e cene di Natale, rientrati da vacanze in famiglia o viaggi esotici, interrotta per il momento la movida delle fashion week milanesi, ecco che si pone una fatidica domanda:

come rallegrare le gelide serate invernali milanesi?

(per intenderci, quelle guidate dai due mantra fondamentali del “devo ammazzarmi in palestra per cercare di rimediare ai danni dell’ultimo mese” e “non posso più spendere un euro dopo le spese pazze in viaggio”, sì, proprio quelle)

Niente paura, basta ripiegare su una cena a base degli ITAmaki di ITAshi e ritrovare il sorriso dopo trenta serie di squat non sarà più un problema.

Mmmmmm, non avete ancora ben capito di che sto parlando (ITAmaki???? ITAshi????)?

Ecco, leggete un po’ qui sotto qualche dettaglio in più.

ITAshi - Milano - ITAmaki
ITAshi – Milano – ITAmaki

 

ITAshi è un piccolo ristorante aperto da un annetto in quella via Muratori ormai fulcro della vita serale dei foodies milanesi che se ne intendono (qui anche Milano Amore Mio, vi ricordate che ve ne avevo parlato un annetto fa?).

Ha alcuni tavoli dove ci si può sedere per mangiare direttamente nel locale, ma è ottimo soprattutto per il suo take away (lo trovate sia su Foodora che su Deliveroo).

Insomma, in via Muratori in caso di stanchezza cronica/congelamento da termometro sotto lo zero non dovrete neppure andarci, vi basterà aspettare la pappa stramazzati sul divano sotto la copertina della nonna. Comodità 100%.

ITAshi - Milano - ITAmaki
ITAshi – Milano – ITAmaki

 

Come suggerisce il nome stesso, ITAshi propone un nuovo concetto di cucina fusion che combina tadizione giapponese e ingredienti italiani. Il risultato? Gli ITAmaki, coni monoporzione ispirati ai temaki giapponesi, ma che sostituiscono l’involucro di alghe con un impasto a base di speciali farine di grano e il ripieno di riso con ingredienti italianissimi come la tartare di fassona piemontese o il gambero rosso di Mazara. E tanti altri ancora. .

Fortuna che formato monoporzione consente di assaggiare e sperimentare tra più sapori e combinazioni, scegliendo tra ITAmaki singoli o optando per i menu degustazione, di mare, di terra o completi di tutte le proposte, per non lasciarsi scappare proprio niente.

Per la serie che avrete pure l’imbarazzo della scelta per condire con un po’ di varietà a novità la vostra serata casalinga. Pericolo noia scongiurato.

 

 

ITAshi - Milano - ITAmaki
ITAshi – Milano – ITAmaki
ITAshi - Milano - ITAmaki
ITAshi – Milano – ITAmaki

Di ITAmaki poi, ahimè, ce ne sono anche due tre versioni dolci, con ripieno di crema di ricotta, panna e amarena Fabbri, Kinder Bueno

Non leggeri, siamo onesti, e, ammettiamolo, in grado di vanificare ore e ore di sforzi sovrumani in sala spinning.

Buoni, però, buonissimi.

Incentivo in più a cenare con qualche amica o amico: potete sempre dividere un unico dessert e dimezzare peccato di gola e relativi sensi di colpa. Se non serve a questo l’amicizia…!

 

 

ITAshi - Milano - ITAmaki
ITAshi – Milano – ITAmaki

 

Si era poi accennato a quel problemino di fondi che scarseggiano dopo regali di Natale e viaggioni dall’altro capo del mondo. Beh, anche sotto questo punto di vista ITAshi può essere la scelta perfetta: nonostante gli ingredienti di primissima qualità, i costi vanno solo dai 2,50 euro di un singolo cono ai 36 euro per il menu completo.

Felice il palato. Felice anche il portafoglio.

Nient’altro d’aggiungere. Solamente un “bravo” allo chef Simone Mazzone. Che con i suoi deliziosi ITAmaki preparati al momento, conditi in più dalla sua simpatia, ha saputo dare una virata positiva a una mia classica cena-milanese-con-amica-post-palestra di qualche settimana fa.

E, se tanto mi da tanto, sarà autore di molte altre mie – e vostre – cene dei prossimi mesi.

Non siete curiosi anche voi di assaggiare questi famosi ITAmaki??? 😉

ITAshi - Milano - ITAmaki
ITAshi – Milano – ITAmaki

 

ITAshi

Via Muratori Lodovico, 10, 20135 Milano

Tel: 02 3675 5703

www.itashi.it

 


 

Email this to someoneShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookPin on Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *