Terrazza Triennale – Osteria con Vista – Milano

Prima scoperta del mio weekend milanese per il Fuorisalone: la nuova Terrazza Triennale, Osteria con vista.
Ecco, direte voi, cominciamo subito bene: questa va al Salone del Mobile e parla di ristoranti invece che di installazioni.
 
La verità è che il design in qualche modo c’entra anche qui.

 

Terrazza Triennale - Osteria con Vista - Milano
 Brunch – La Terrazza Triennale – Osteria con vista – Milano
(scroll down for English version)


Intanto la location, appunto, è il palazzo della Triennale di Milano, sede fino a novembre della mostra Arts & Foods Rituali dal 1851(se mi è piaciuta?! Molto. Per i dettagli, però, vi tocca pazientare fino al prossimo post…) e di tutta una serie di altri allestimenti ad hoc per la Design Week che ovviamente non mi sono persa.
 
Poi il locale è già di per sè un esempio di esercizio architettonico perfettamente riuscito. Situato all’ultimo piano, terrazza con vista su tutto Parco Sempione e i nuovi grattacieli di Porta Nuova. Pareti interamente di vetro che permettono di godere di questo panorama verde a 180 gradi (va’ che Milan non è poi così male) anche stando all’interno, riparati dal venticello e se non altro riscaldati da un inevitabile effetto serra. Con il caldo, poi, le pareti stesse “scompariranno”, lasciando il posto a una grande, unica terrazza che un po’ ti fa pensare al George’s di Parigi. Giusto per intenderci.
Poi arredi semplici all’interno, linee pulite, pochi fronzoli. Tutta l’attenzione va al cibo.
 
Ed è qui che ritorna il tema design. Perchè ogni piatto di Stefano Cerveni è un’opera d’arte: dall’antipasto misto con baccalà in insalata di erbe di camposformatino di zucchine in salsa di zafferano e Franciacorta e carpaccio di manzo, crema di parmigiano e germogli di crescione alla selezione di dolci al piatto. Perfino la “macedonia”, che, da brava rompipalle quale sono, ho chiesto per sedare l’arsura che ormai si era impossessata di me dopo chilometri e chilometri di Fuorisalone macinati di prima mattina.
 
Ultimo plauso per lo staff. Nessuna piega nel venirci incontro quando abbiamo obiettato che il menù fisso proposto per il brunch della domenica (in tre atti: gli antipasti misti di cui vi parlavo sopra, una portata principale a scelta tra rigatoni alle melanzane, risotto, costoletta alla milanese o scaloppa di ombrina e il trionfo di dolci) avrebbe messo in seria difficoltà il nostro stomaco, abituato a un numero di portate decisamente inferiore: subito per noi una versione “ridotta” del brunch (che poi a sapere prima la bontà dei piatti, mi sa che mi sarei spazzolata pure quella abbondante, fate un po’ voi).
E poi la storia della “macedonia design” creata on demand.
Stefano (Cerveni, THE Chef), impeccabile al bancone della cucina a vista mentre apporta le ultime decorazioni ai suoi piatti/opere d’arte. Ma anche estremamente alla mano, nessun atteggiamento da chef star primadonna:  passa tra i tavoli, ti chiede se ti sono piaciuti i piatti, ti racconta qualche aneddoto sulle corse fatte per rispettare la data di apertura. Sì perché, dimenticavo di dirvi, tutto questo con nemmeno una settimana di anzianità alle spalle: la Terrazza ha aperto il lunedì stesso dell’inizio della Design Week.
 
Che vi devo dire ancora? Andateci, godetevi un pranzo o una cena con vista e dimenticatevi del caos milanese almeno per qualche ora.
Promette molto bene anche in orario aperitivo, secondo me. Ma io per ora devo tornare a godermi le terrazze fiorentine vista Arno. Passo la palla a voi milanesi, provatelo e fatemi sapere. Che magari un saltino su al Nord lo rifaccio presto, va’.
 
 
Terrazza Triennale - Osteria con Vista - Milano
 Brunch – La Terrazza Triennale – Osteria con vista – Milano
Terrazza Triennale - Osteria con Vista - Milano
 Brunch – La Terrazza Triennale – Osteria con vista – Milano
Terrazza Triennale - Osteria con Vista - Milano
 Brunch – La Terrazza Triennale – Osteria con vista – Milano
Terrazza Triennale - Osteria con Vista - Milano
 Brunch – La Terrazza Triennale – Osteria con vista – Milano
Terrazza Triennale - Osteria con Vista - Milano
 Brunch – La Terrazza Triennale – Osteria con vista – Milano
Terrazza Triennale - Osteria con Vista - Milano
 Brunch – La Terrazza Triennale – Osteria con vista – Milano
Terrazza Triennale - Osteria con Vista - Milano
 Brunch – La Terrazza Triennale – Osteria con vista – Milano
Terrazza Triennale - Osteria con Vista - Milano
 Brunch – La Terrazza Triennale – Osteria con vista – Milano
Terrazza Triennale - Osteria con Vista - Milano
 Brunch – La Terrazza Triennale – Osteria con vista – Milano
First discovery of my weekend in Milan for the Design Week: the new  Terrazza Triennale, Osteria con vista.
Well, you could say, we are not starting in the best way: she goes to Salone del Mobile and talks about restaurants rather than art installations.
 
The truth is that also in this case design somehow matters.
 
First of all the location is the Triennale building, home until November of the exhibition Arts & Foods Rituali dal 1851 (did I like it? A lot. For details, though, you have got to be patient till next post…) and of a whole series of other Design Week stands that I clearly didn’t miss.
 
Then the venue itself is an exemple of perfectly succesful architectonic excercise. Located at the last floor, terrace with a view on all Parco Sempione and the new Porta Nuova skyscrapers. Fully glass walls that let enjoy the green 180 degrees panorama (well, Milan isn’t that bad after all…) even while seating inside, sheltered from the breeze and warmed by the unavoidable greenhouse effect. With the good season, then, the walls themselves will disappear, leaving space to a huge terrace that reminds a little bit George’s one in Paris. Just to be clear. Finally simple furniture in the interior, clean lines, no frill. All the attention goes to the food.
 
And there it is where you can find again the “design” theme, Because every dish of Stefano Cerveni is a masterpiece, from the mixed starters with cod salad, courgette pie in saffron sauce and Franciacorta and beef carpaccio with parmesan cream and watercress sprouts to the dessert selection. Even the fruit salad that, as I’m notably a pain in the ass, I asked to calm down my burning thirst after walking miles and miles of Fuorisalone early in the morning.
Last plaudit to the staff. Not any problem in greeting us when we objected that the brunch fixed menu proposal (in three acts: the above mentioned assorted starters, a main course to be chosen amont aubergine rigatoni, risotto, milanese “cotoletta” or seabass fillet, the selection of desserts) would have created serious difficulties for our stomach, used to a way lower number of courses: immediately for us a “restricted” version of the brunch (that, well, if I had known the deliciousness of the dishes, I guess I would have been able to devour even the abundant one).
And then the thing of the fruit salad “on demand”.
Stefano (Cerveni, THE Chef), impeccable at the counter of the open-plan kitchen while he sets the last decorations on his dishes/masterpieces. But extremely down to earth too, no queen been chef manners at all: he walks through the tables, asks you whether you liked the lunch or not, he tells you some stories about the pre-opening hurry. Yes because, I forgot to tell you, it all happened with not even a week of seniority behind: La Terrazza opened the same monday of the Design Week opening.
 
What should I tell you again? Go there, enjoy a lunch or dinner with a view and forget the milanese chaos for at least a couple of hours.
It also promises very well for an happy hour, I guess. But for the moment I have to go back and enjoy florentine terraces with a view on the Arno. 
I leave the word to you, try it and let me know. I might be back up there quite soon maybe.
 
Terrazza Triennale - Osteria con Vista - Milano
 Brunch – La Terrazza Triennale – Osteria con vista – Milano
Terrazza Triennale - Osteria con Vista - Milano
 Brunch – La Terrazza Triennale – Osteria con vista – Milano
Terrazza Triennale - Osteria con Vista - Milano
 Brunch – La Terrazza Triennale – Osteria con vista – Milano


Dove, come, quando:
Terrazza Triennale – Osteria con Vista
La Triennale Milano
Via Alemagna 6
Telefono 02-36644340
Facebook: Terrazza Triennale ‘Osteria con vista’

 

 

Email this to someoneShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookPin on Pinterest

One thought on “Terrazza Triennale – Osteria con Vista – Milano

Comments are closed.