Travel Tips – Budapest – Hungary

Ed ecco qui, dopo la preview di qualche settimana fa, tutti i miei travel tips per un weekend a Budapest.

Febbraio è stato un mesetto bello intenso e ho tardato un po’, ma questo weekend di “pausa milanese” mi sono rimessa in pari.

Dove dormire? Dove mangiare? Cosa vedere? Ecco qui sotto tutti i miei consigli per uscire un po’ dalle solite rotte turistiche 🙂

IMG_9329

Dove dormire

Innanzitutto partiamo dai consigli su dove dormire: sicuramente è molto più suggestivo scegliere di soggiornare nella zona di Buda, sulla collina, all’interno delle mura del castello.

Io ho scelto il Buda Castle Fashion Hotel, che con la sua immensa suite di design nel bel mezzo delle viuzze della Old Town è stata una base perfetta per andare alla scoperta della città ed avere a pochi minuti di distanza la possibilità di ammirare la vista sulla città sia by day che by night (decisamente più suggestiva!).

Ma non mi sono lasciata sfuggire uno stop allo storico Four Seasons Gresham Palace che se non altro mi ha fornito un setting meraviglioso per le foto che vi ho mostrato anche nell’ultimo post.

  • Four Seasons Budapest
    Four Seasons Budapest

Dove Mangiare

E poi qualche consiglio in tema food, a partire dal super brunch del sabato nel quartiere ebraico da Mazel Tov. Menù ispirato alla street art di Tel Aviv, con rivisitazioni gourmet, e piatti tanto abbondanti quando deliziosi: perfino i miei cavolfiori gratinati erano tutt’altro che banali. E un voto 10 e lode alla location, decisamente instagrammabile. Le foto parlano da sole. 🙂

  • restaurant
    Budapest - Mazel Tov

Per la domenica la scelta invece è ricaduta su Kiosk. Ex teatro rivisitato in stile industriale con immense vetrate affacciate sul Danubio e una proposta di piatti di cui fare sharing con gli amici per entrare nel perfetto mood di un brunch domenicale. Location e piatti anche in questo caso curatissimi in tutti i dettagli e, come potete notare voi stessi, 100% instagrammabili.

  • restaurant
    Budapest - Kiosk

E per l’unica cena come si deve del weekend (le altre due felicemente trascorse in aereoporto in attesa di voli Wizzair rigorosamente in ritardo), la scelta è ricaduta su Bestia, così chiamato per il menù essenzialmente a base di carne in ogni sua possibile versione: dalla tartare alla big steak, ma senza dimenticare anche qualche proposta di insalata (abbondante e per nulla insipida) per ragazze tristemente a dieta come me. Il tutto accompagnati da dj set, o live music se ci si dovesse andare a pranzo. La location tra l’altro è in pieno centro, esattamente di fronte alla St. Stephen Church, eventualmente una tappa perfetta per uno stop durante il giro turistico della città.

Ah, quasi dimenticavo: aspetto più particolare di tutto il locale? Sicuramente la mega insegna sul soffitto. Impossibile non fotografarla. 🙂

Bestia Restaurant - Budapest
Bestia Restaurant – Budapest

Tra tutte le proposte un po’ più “nuove”, perfette per scoprire quella Budapest giovane che va oltre gli stereotipi del tipico turista, una tappa obbligata tra i “grandi classici” però rimane. Si tratta della merenda nello splendido salone del New York Cafè, ora parte dell’Hotel Boscolo. Un caffè qui, o ancor meglio un high tea con dolcini vari, è un must che non può essere tralasciato, anche a costo di qualche minuto di coda e dei prezzi ovviamente spropositati. Turisti un po’ lo si deve pur rimanere, no? 😉

  • New York Cafè - Budapest
    New York Cafè - Budapest

Cosa vedere

Anche sui consigli sul cosa vedere, vi tralascio i suggerimenti da classica Lonely Planet.

Diciamo che Budapest è bella da girare a piedi, passeggiando nella città vecchia, tra le vie del centro storico, andando alla scoperta di localini e negozietti vintagenel quartiere ebraico, respirando un po d’aria fresca nei grandi parchi, o facendo un giro in battello sul Danubio.

Ciò che non rientra negli itinerari turistici tradizionali e che io stessa avevo sottovalutato, per poi finirci del tutto per caso, è invece l’House of Terror, edificio storico che venne usato nel secolo scorso come quartier generale della polizia politica sia nazista che comunista, ora trasformato in un interessantissimo monumento-museo. Soprattutto per il modo che si è trovato per raccontare contenuti tutt’altro che allegri, per gli allestimenti scenografici, che ti portano davvero indietro di un centinaio d’anni e ti aiutano a rivivere quel periodo in maniera per nulla scontata e davvero immersiva. Insomma, non aggiungo altro per non rovinarvi la sorpresa (all’interno non si possono assolutament fare foto, quindi nessuno spoiler nemmeno a livello di immagini), ma sappiate che questo tra tutti è stato lo stop che più mi ha colpito di tutto il weekend, contrariamente a qualsiasi aspettativa.

Un must see, decisamente.

 

  • Budapest - House of Parliament
    Budapest - House of Parliament

 

 

E niente, serve altro per convincervi che un weekend a Budapest non è per nulla una cattiva idea? 😉

 

——————————–

 

Buda Castle Fashion Hotel

Budapest, Úri u. 39, 1014 Ungheria

Tel: +36 1 224 7900

www.mellowmoodhotels.com/hotels/buda-castle-fashion-hotel

 

Four Seasons Gresham Palace

Budapest, Széchenyi István tér 5, 1051 Ungheria

Tel: +36 1 268 6000

www.fourseasons.com/budapest

 

Mazel Tov

Budapest, Akácfa u. 47, 1072 Ungheria

Tel: +36 70 626 4280

www.mazeltov.hu

 

Kiosk Budapest

Budapest, Március 15. tér 4, 1056 Ungheria

Tel: +36 70 311 1969

www.kiosk-budapest.hu

 

New York Cafè

Budapest, Erzsébet krt. 9-11, 1073 Ungheria

Tel: +36 1 886 6167

www.newyorkcafe.hu

 

House of Terror

1062 Budapest, Andrássy út 60

Tel: +36 (1) 374 26 00

www.terrorhaza.hu/en

 

 

 

 

Email this to someoneShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookPin on Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *