Travel tips – Lisbon – Portugal

Ci ho messo un po’, ma mai dire mai…ecco per voi la mia guida su Lisbona, per trascorrerci un semplice weekend o anche qualche giorno in più, tra giornate in spiaggia e gite fuori porta.

Lo sapevate che il Portogallo va per la maggiore tra le mete per quest’estate?

Unite questo articolo ai tips che già vi avevo dato su Porto, integrate con qualche extra sull’Algarve e..il vostro viaggio estivo è servito!

Ma vediamo intanto più nel dettaglio i miei consigli su Lisbona e dintorni.

Tram - Lisbon
Tram – Lisbon

Lisbona by day

Day 1 – Relax in riva all’oceano

Siete appena arrivati? Magari con uno di quei bei voli Ryanair all’alba che destabilizzano per tutta la giornata? Allora è il caso di iniziare con una giornata di relax in spiaggia sull’oceano. Con solo una ventina di minuti di Uber (che non vi salti in testa di chiamare un taxi, Uber è decisamente un’alternativa più economica in Portogallo!) sarete al Borda D’agua: lettini e ombrelloni di paglia in spiaggia, cocktail in riva al mare e un ottimo ristorante che spazia da insalatone healthy e piatti di pesce più elaborati. Perfetto per inaugurare il vostro soggiorno portoghese.

Day 2 – Camminando su e giu per il centro

Per  la seconda giornata, in esplorazione del centro di Lisbona, consiglio di iniziare con un’ottima colazione da Brooklyn, localino in Praça de Alegria scoperto decisamente per caso, ma che si è rivelato un’ottima fonte di yogurt, granola, centrifugati, per fare il pieno di energia ogni mattina. Anche se mi hanno parlato ugualmente bene anche di The Mill e Hello Kristoff, sempre in centro, ma più verso il Miradouro di Santa Caterina.

Insomma, avete l’imbarazzo della scelta, l’importante è rifocillarvi, che poi ce ne sono di luoghi da scoprire girovagando per Lisbona, eh: dai quartieri di Baixa e Rossio (Elevador Santa JustaPraca do Commercio, Se, Miradouro Santa Luzia e tutti i negozietti nelle stradine adiacenti questi monumenti, che sembrano riportare in un’altra epoca) fino a spingersi su fino al Castelo de Sao Jorge (per evitare la salita a piedi, l’alternativa è farsi un giro a bordo del famoso tram 28 partenzo dalla fermata in Martim Moniz – coda permettendo! – o spostarsi con un tuk tuk – se ne trovano ad ogni angolo!). Dopo il castello, niente paura, vi aspettano i cocktail del Portas do Sol, terrazza con un’impagabile vista su tutta la città.

Day 3 – In bici fino a Belem

Proibito non spingersi fino a Belem. In tram, con gli ormai inflazionati tuk tuk o in bici, per i più sportivi, l’importante è che arriviate fino alle famosa Torre de Belem, visitando il Mosteiro dos Jeronimos e il più moderno Museo Berardo (da non perdere assolutamente! Non ha nulla da invidiare alle più famose Tate e Guggenheim, eh) e gustandovi un Pastel de Belem original. Sulla via del ritorno vale anche la pena fermarsi al Mercado Time Out, con tutti i suoi ristorantini su modello dei più famosi mercati cittadini spagnoli.

Ancora qualche giorno di permanenza a Lisbona? Allora non perdetevi Cascais e Sintra.

Io non sono riuscita ad andarci, lo ammetto, ma me ne hanno parlato tutti talmente bene che sento prenoterò a breve un altro volo per Lisbona per quste ultime “integrazioni”.

Lisbona by night

Anche per le vostre serate Lisbona ha un bel po’ da offrire. Dall’atmosfera surreale di una cena da Bastardo,  in con i suoi quadri irriverenti e piatti gourmet (ma, oltre che per cena, il locale vi aspetta anche con il suo tea parlour o al bar, per un semplice drink) a quella più “decadente” di The Decadente, per l’appunto.

Potete continuare con uno o più drink itineranti tra i vari baretti di Barrio Alto o nel quartiere di Cais do Sodré, tra cui il celebre Pensao Amor, e ancora con una serata più aggressiva al più impostato Lux Fragil o al gayssimo (e divertentissimo) Finalmente.

Due chicche in più su Lisbona che però vi consiglio di non perdere? Una gita in barca sul fiume con Spica Sailing Teamideale al tramonto, con cena a bordo a seguire, ma perfetta anche per una giornata di bagni e sole in piena estate (sperando in un vento più clemente di quello trovato a maggio!) e una cena con spettacolo al nuovo Beco Cabaret Gorumet dello chef Jose Avillez (costicchia, eh, ma ne vale decisamente la pena!).

Ecco, questo è più o meno l’itinerario che vi consiglio di seguire per godervi a pieno Lisbona. E , lo ripeto, ricordate che ci sono sempre anche i miei travel tips su Porto: un bel viaggetto in Portogallo tra quest’estate e inizio autunno non ci starebbe per nulla male, non trovate?

Email this to someoneShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookPin on Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *